(Ri)scrivendo la storia: l’Italia saluta Bruce Springsteen

0010508
0 Flares 0 Flares ×

Il record di durata a San Siro. L'incredibile diluvio di Firenze. La "fiesta in Triesta". I tre concerti italiani di Bruce Springsteen rimangono tutti indimenticabili, per motivi diversi e speciali.

A Milano Bruce ha suonato 3 ore e 40 minuti, un totale di 33 canzoni: si è trattato del secondo show più lungo della sua storia, a pochi minuti di distanza dalla notte del Nassau Coliseum il 31 dicembre 1980. Era un capodanno, e questo ha fatto la differenza.

A Firenze, il diluvio per due ore e mezza. Le prime gocce di una pioggia sottile alla terza canzone, poi acqua a catinelle. A un certo punto – ma eravamo verso la fine – la curva Fiesole si è svuotata. Sul prato e negli altri settori, i "fuckingdiehardfans" si erano ormai spogliati di tutto e avevano perso ogni speranza di mantenere in vita il proprio telefono cellulare e "commestibili" i soldi nel portafogli. A fine show c'erano migliaia di ragazzi nudi per strada, a caccia della propria macchina o di un mezzo pubblico, senza alcuna speranza che un taxi li potesse ospitare. Io mi sono cambiato per strada, sfiorando l'arresto per atti osceni in luogo pubblico.

A Trieste il pubblico era diviso a metà tra i sopravvissuti alle prime due serate e le facce riposate di chi sentiva Springsteen per la prima volta, arrivando anche da oltreconfine. Sul palco questi inossidabili sessantenni ci hanno dato dentro ancora come dei pazzi – forse è stata la serata più rock di tutte per la scelta dei brani in scaletta – obbligandoci a due giorni di riposo branda forzato dopo il lungo viaggio di ritorno a casa.

Abbiamo percorso migliaia di chilometri, guidato nella notte, salvati dal sonno grazie all'adrenalina, agli spiriti della notte e al volume della radio.

Poi ci siamo buttati sul divano e non ci siamo rialzati più. Per un giorno, forse due, poca forza e tanta condivisione: abbiamo sfogato la nostra sovraeccitazione andando a cercarci nelle foto sui social e organizzando le prossime trasferte con gli amici, nuovi o ritrovati.

Tanta roba, credetemi, e non prendeteci per pazzi.

Tra poco si riparte: sabato sera c'è un aereo per Madrid, un sacco a pelo fuori dal Santiago Bernabeu, il lunedì per visitare la città, il martedi all'alba il furgone di speranze e sogni viaggia in direzione Montpellier, a casa dei campioni di Francia, insieme a otto compagni di viaggio.

Doneremo i costi della trasferta alla Fondazione Niccolò Galli, come abbiamo già fatto con le date italiane: è il nostro modo per abbinare qualcosa di utile al diletto infinito dei nostri viaggi rock.

Gianmaria Vacirca

Cosa ne pensi?

Autore di questo Articolo

Paolo Carelli

Paolo Carelli

Amo tutto ciò che è classic rock. Gamer incallito, indefesso lettore di science fiction e fumetti. Studio Gestione dei Media all'Università della Svizzera Italiana di Lugano.

Login

Registrati | Hai perso la password?
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 0 Flares ×