Rimettersi in gioco con un Lapsus

0009657
0 Flares 0 Flares ×

In periodo di estrema crisi e problemi sociali “le arti sono da mettere da parte”. Uno studio recente identifica come unico questo periodo storico per il calo dei consumi, anche per quelli così detti “difficilmente comprimibili”, ovvero il mangiare.

Fineremo tutti come anziani senza il ballo liscio? Senza le feste di paese danzanti?

In questa situazione, licenzia chi può licenziare, ruba chi può rubare e smette di studiare chi può lavorare. Ma c’è anche chi intraprende?

Varie e valide eccezioni italiane stanno emergendo. Strano ma vero. Dall’ultimo LeWeb di Dicembre vinto da una startup italiana: Beintoo.

Complimenti ragazzi!

Troppo web per i nostri letteri? Qualcosa di un po più retrò? Ok, trovato!

E’ nata da poco un’associazione denominata Laboratorio Lapsus che racchiude attualmente ragazzi tra i 23 e i 26 anni che ha riscoperto il mestiere dello storico. Ebbene si.

Altro che web e new tecnology! Qui si parla di organizzare convegni, mostre e approfondimenti per ricostruire la storia. I protagonisti di questa iniziativa stanno anche raccogliendo fondi per organizzare un esibizione itinerante intitolata ’900 criminale.

Naturalmente c’è anche un tag su Twitter: #unisfascio

“Un terzo dei laureandi è fuori corso”

info http://www.laboratoriolapsus.it/

 

Cosa ne pensi?

Login

Registrati | Hai perso la password?
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 0 Flares ×