Il San Valentino musicale di OkMusik

0009447
0 Flares 0 Flares ×

È appena passato quel periodo dell’anno in cui le vendite cioccolatini, fiori, collezioni di canzoni d’amore, film romantici drammatici e commedie con Sandra Bullock (o Meg Ryan, o Drew Barrymore, o…) schizzano alle stelle. Avete già indovinato di quale periodo sto parlando? Sì, esatto: la fatidica settimana che va dal 6 al 13 febbraio.

Questo perché il giorno 14 febbraio, che quest’anno segna anche l’inizio del festival di Sanremo, è S. Valentino, tradizionalmente conosciuto come la festa degli innamorati. Se siete stati previdenti, avrete già trovato il regalo per la vostra Valentina con una combinazione a scelta degli elementi menzionati poco sopra.

Se invece, scapestrati, ancora non avete rimediato niente, OkMusik viene in vostro soccorso: ecco una lista di dieci canzoni con cui costruire la colonna sonora della vostra uscita galante. L’amore trionferà sempre su tutto, ma un aiutino musicale di sicuro non guasta…

categoria “Amore da film”

I Don’t Wanna Miss a ThingAerosmith: la dimostrazione che Steven Tyler & co. sanno anche essere romantici;

Iris Goo Goo Dolls: chi non ricorda l’intensa storia d’amore fra Nicolas Cage e Meg Ryan in City of Angels?;

By your SideBeachwood Sparks: anche per i nerds c’è il lieto fine. Da Scott Pilgrim vs. The World.

Categoria “Amore peccaminoso”

I was made for lovin’ youKISS: con i loro schiocchi di frusta, i KISS sono una garanzia se si vuole provocare;

Wicked gameChris Isaak: la serata si riscalda col “gioco peccaminoso” di Chris Isaak;

You can leave your hat onJoe Cocker:  come andare dritti al sodo. Più chiari di così…

Categoria “Amore con stile”

Wonderful TonightEric Clapton: per farle sciogliere come neanche Sinatra riusciva;

Love me TenderElvis Presley: come si fa a non raddolcirsi se a cantare è la voce vellutata di Elvis?;

Strangers in the NightFrank Sinatra: nella remota ipotesi che Clapton fallisca, The Voice è l’arma vincente.

Categoria “Amore per sempre”

I Will Always Love YouWhitney Houston: tribute dovuto ad una grande voce che ci ha lasciato da poco, e che sapeva come far emozionare le persone.

Cosa ne pensi?

Autore di questo Articolo

Paolo Carelli

Paolo Carelli

Amo tutto ciò che è classic rock. Gamer incallito, indefesso lettore di science fiction e fumetti. Studio Gestione dei Media all'Università della Svizzera Italiana di Lugano.

Login

Registrati | Hai perso la password?
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 0 Flares ×