Di un altro pianeta

0010614
0 Flares 0 Flares ×

Vista da martedì 26 giugno, la giornata di oggi sembrava lontana. In mezzo c’erano un centinaio di ore in cui godersi quattordici artisti diversi, rappresentanti i generi più disparati, una semifinale con la Germania che partiva favorita e un’insopportabile calura che incombeva perennemente su tutti.

Di quelle 100 ore ne sono rimaste una manciata, la semifinale è stata vinta dall’Italia against all odds, contro tutti i pronostici, e la calura… beh, quella rimane, ma grazie al preparatissimo staff del Parabiago Rugby Sound è facile riuscire a rinfrescarsi testa e ugola.

Ieri sera, dopo l’exploit di venerdì con Giuliano Palma (per chi ancora non lo sapesse: da un certo momento della serata in avanti non è stato più possibile entrare causa le troppe persone accorse), abbiamo assistito a un altro pienone. Stavolta, a godersi l’incredibile calore del pubblico di Parabiago sono stati Planet Funk e NATS, ovvero Nena and the Superyeahs.

Entrambe le esibizioni sono state davvero belle. I Planet Funk con luci e led hanno dato vita al concerto visivamente più spettacolare di questa sei giorni di musica; ottimo lavoro anche quello dei NATS che, pur non avendo a disposizione gli stessi potenti mezzi scenografici dei loro colleghi, hanno saputo comunque offrire uno show decisamente più che apprezzabile.

Siamo così giunti all’ultima giornata di questo Parabiago Rugby Sound 2012. Giornata che già di suo si prospettava come un gran finale a tutti gli effetti e che da giovedì ha acquistato ulteriore significato. Stasera infatti, oltre a poter vedere esibirsi sul palco due ottime band heavy metal (i tedeschi 667 e gli italianissimi Clairvoyants spalleggiati da Dennis Stratton), al Rugby Sound i maxischermi trasmetteranno Italia – Spagna, la grande finale degli Europei 2012.

Potremo vedere azzurri e furie rosse scrivere un pezzo di storia del calcio: entrambe le contendenti hanno infatti la possibilità di raggiungere traguardi storici con la vittoria finale. Da una parte la Spagna potrebbe essere la prima nazionale europea a vincere la competizione continentale per la seconda volta consecutiva; dall’altra l’Italia non solo conquisterebbe, finalmente, il suo secondo Europeo (dopo quello del 1968), ma lo farebbe battendo una delle compagini più forti della storia del calcio.

Tanta musica e sicuramente tantissime emozioni: cosa chiedere di più? Ricordate di portare bandiere, magliette e tutto ciò che possa servire a sostenere gli azzurri nella rincorsa alla storia. Dopo, qualunque sia il risultato, vi potrete scatenare per chiudere in bellezza questi incredibili sei giorni di musica. Un saluto dalla redazione di OkMusik e arrivederci a stasera, al Centro Sportivo Venegoni-Marazzini, per l’ultima giornata del Parabiago Rugby Sound 2012!

(foto cover © Sara D'Ambra)

Cosa ne pensi?

Autore di questo Articolo

Paolo Carelli

Paolo Carelli

Amo tutto ciò che è classic rock. Gamer incallito, indefesso lettore di science fiction e fumetti. Studio Gestione dei Media all'Università della Svizzera Italiana di Lugano.

Login

Registrati | Hai perso la password?
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 0 Flares ×